Brand @ Work 2013 [resoconto evento]

Grande successo in termini di contenuti e di pubblico per l’evento “Brand @ Work 2013” che chiude la seconda edizione del Master IED in Brand Management facendo il punto sulle evoluzioni della marca e il suo rapporto con il mondo del lavoro a partire dalla presentazione dei project work sviluppati dagli studenti durante il corso dell’anno in base ai brief consegnati dalle aziende.

Dal comunicato stampa:

Venerdì scorso presso l’aula magna dell’Istituto Europeo di Design di via Casilina, a Roma, si è tenuta l’edizione 2013 dell’evento “Brand @ Work”, occasione in cui gli studenti del Master in Brand Management hanno tradizionalmente modo di presentare il loro lavoro di fine anno, concepito in base alle esigenze comunicative delle aziende-partner del corso.

Il pomeriggio è stato scandito dal protagonismo dei ragazzi, che hanno avuto la possibilità di mettersi in evidenza inserendosi in un format che va ormai consolidandosi, e che ha visto la partecipazione attiva dei due coordinatori del master Vincenzo Bernabei (moderatore) e Alessandra Colucci (che ha introdotto i lavori con una lezione intitolata “Brand Builders. Le professioni del brand management”).

Al termine delle presentazioni, intervallate dai commenti dei rappresentanti di ciascun player di mercato analizzato nei project work, ha avuto luogo la consegna dei diplomi. Per “Pentole Agnelli” ha partecipato Danilo Amigoni (Direttore Commerciale); per CNR-Insean Francesco Salvatore (ricercatore) e Andrea Mancini (tecnico); per Soft Strategy Samuele Severi (responsabile Risorse Umane), Emilia Casile (responsabile Employer Branding) e Monica Cirillo (consulente); per No Cash Day è invece intervenuto l’ideatore della rassegna Geronimo Emili.

Di seguito il resoconto della giornata [qui lo Storify], completo dei link al materiale prodotto.

Brand builders. Le professioni del Brand Management

Partendo dalla definizione del concetto di brand, Alessandra Colucci – coordinatrice del master – ha messo in evidenza i motivi che rendono importante la cura della marca [tanto di una corporate, quanto di un individuo] e il modus operandi del brand management. Dopo aver dato risalto alle principali competenze e capacità che occorre acquisire al fine di poter dosare adeguatamente progettualità e creatività nell’ambito delle attività comunicative d’impresa, nell’intervento si è sintetizzato il metodo seguito – anche all’interno del Master IED in Brand Management – per la creazione di piani strategici per la marca e si è concluso con un excursus sulle varie figure professionali che direttamente o indirettamente contribuiscono alla definizione e veicolazione del patrimonio di brand, conferendogli l’awareness presso il pubblico-obiettivo.

Brand builders. Le professioni del Brand Management by Alessandra Colucci

Pentole Agnelli: piano di heritage marketing per l’azienda e brand strategy del punto vendita di Roma

Agnese Iannone e Arianna Pirandola si sono occupate di produrre un duplice piano strategico per il brand “Pentole Agnelli Professional Cookware”, leader nel settore HO.RE.CA. come produttore di strumenti di cottura professionali. Il primo piano è incentrato sull’individuazione e progettazione di azioni di heritage marketing volte a dare risalto al vantaggio competitivo della corporate, coincidente con il passato storico dell’impresa e della famiglia Agnelli; il secondo focalizzato sull’ampliamento del target del brand al settore casalingo a partire dall’aumento della visibilità del punto vendita monomarca di recente apertura a Roma e dell’associazione culturale a questo fortemente connessa, denominato Incontri in Cucina e specializzato in organizzazione di momenti di formazione ed eventi enogastronomici.

Piano di employer branding per Soft Strategy

Karina Heartel, Roberta Narducci e Riccardo Spagna compongono il team che si è occupato di stilare un piano di employer branding per Soft Strategy, società specializzata in consulenza direzionale e nel fornire servizi professionali alle imprese, il cui core business riguarda i processi aziendali. In questo caso le strategie hanno puntato a mettere in risalto l’approccio “soft” dell’azienda, connotandola come “boutique della consulenza”, oltre a fornire idee pragmaticamente realizzabili riguardo l’accrescimento  del senso di appartenenza al brand, la fidelizzazione dello staff già parte dell’impresa e le modalità creative di recruitment finalizzate ad attrarre giovani talenti/neolaureati e, contemporaneamente, sostenere e rafforzare all’esterno la marca “Soft Strategy”.

Piano di branding optimization per CNR–Insean

Sara Barone, David Callari e Donato Perrotta hanno lavorato alla definizione di un progetto volto all’ottimizzazione delle risorse di brand del CNR-Insean, Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale afferente al Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), ovvero un centro di ricerca applicata ai settori dell’ingegneria navale e marittima. Le strategie presentate sono state suddivise in base a quattro distinti focus: l’aumento della riconoscibilità del brand e della sua coerenza nella comunicazione verso l’esterno, l’ampliamento della visibilità della marca in relazione al proprio settore e in generale al mondo della ricerca grazie a una maggiore presenza in Rete e all’organizzazione/partecipazione a eventi, la promozione delle attività svolte dal centro e lo sfruttamento delle leve dell’heritage marketing come vantaggio competitivo attraverso la valorizzazione delle risorse esistenti e del patrimonio storico  del centro, anche in vista del suo 90° anniversario (che cadrà nel 2017).

Piano di re-branding e lancio dell’evento NO Cash Day

Romina Lapolla, Giulia Tornese e Gaia Zangrilli hanno avuto modo di cimentarsi nel re-branding e nel lancio del No Cash Day del 2013, evento ideato da Geronimo Emili e dedicato alla lotta al denaro contante [war on cash] e alla diffusione della moneta elettronica. Il piano strategico ha come obiettivo l’aumento dell’awareness dell’iniziativa, del consenso sociale e dell’interesse da parte di potenziali sponsor. A tal fine il team ha proposto alcune migliorie da apportare agli strumenti di comunicazione online dell’evento, alcune interessanti idee per promuoverlo in Rete, nonché alcuni spunti sui contenuti da sviluppare durante il lancio, la conferenza stampa di presentazione e la giornata dedicata alla lotta al contante del prossimo giugno.

Affrettatevi a iscrivervi alla 3° edizione del Master IED in Brand Management: inizieremo il 5 Aprile 2013. 🙂

Il master in breve:

Leggi anche le informazioni sul master, il programma e i suoi docenti.

Per info, iscrizioni e adesioni:
tel. > 0670703032-33
e-mail > master@roma.ied.it
sito > iedmasterbrandmanagement.com
form > richiesta informazioni

2 replies

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] conclusione della 3° edizione del Master IED in Brand Management siete tutti inviati a BRAND @ WORK 2014, l’evento di presentazione dei project work finali che si terrà presso l’Aula Magna della […]

  2. […] Management e abbiamo pensato di mostravi quel che abbiamo fatto durante questo anno organizzando Brand @ Work 2014, l’evento di presentazione dei project work finali che si terrà presso l’Aula Magna della sede […]

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *