Personal Branding Day: materiale condiviso [lezione speciale]

Venerdì 6 Luglio si è tenuto il primo Personal Branding Day, lezione speciale del Master IED in Brand Management in partnership con IED Management Lab.

Di seguito la raccolta del materiale:

Video sul concetto di personal branding

Cos’è il personal brand?

Dal comunicato stampa:

Il primo intervento è quello di Alessandra Colucci – consulente [e docente] in Brand Care – dal titolo “Self Brand e Personal Brand”, che ha proposto una riflessione sull’evoluzione dell’approccio alla marca in relazione alle sue connessioni con il contesto socio-culturale, con le dinamiche legate al marketing e con l’idea di consumatore/cliente. Colucci sottolinea che self brand e personal brand sono da considerarsi due approcci ben distinti: il primo basato sull’utilizzo delle marche corporate per rappresentare il proprio stile, sull’improvvisazione e su atti comunicativi istintivi e discontinui; il secondo risultante dall’applicazione di metodo e creatività, frutto di un accurato lavoro di analisi, dello studio del proprio contesto di riferimento e della costruzione di strategie specifiche, strettamente connesse con gli obiettivi definiti e sempre coerenti tra loro.

PBDay – Alessandra Colucci “Self Brand & Personal Brand”

Stefano Principato – consulente e formatore in strategie di marketing – descrive la propria teoria de “Le 12P del personal marketing”, ovvero della strategia per promuovere se stessi. Tale strategia, da attuale sia online che offline, è da suddividersi il cinque aree:
1. il patrimonio personale [Personalità, Passioni]
2. il patrimonio professionale [Propositi, Potenziale]
3. la strategia di business [Obiettivi professionali, Posizionamento]
4. la strategia di networking [Persone, Partner]
5. il marketing mix [Performance, Prezzo, Packaging, Promozione]
Per avere successo occorre quindi conoscere bene se stessi, saper fare scelte chiare, utili e adeguate e perseguire con tenacia i propri obiettivi.

PBDay – Stefano Principato “Le 12P del Personal Marketing”

Successivamente, Enrico Bisetto e Damiano Bordignon – ideatori di Sestyle – hanno proposto la loro riflessione sul legame che intercorre tra “Personal Brand e Sviluppo Personale”, mettendo in evidenza quanto la creazione di una marca individuale non sia solo appannaggio delle strategie di marketing, ma risulti uno strumento per raggiungere una maggiore consapevolezza di sé e di quello che realmente si vuole essere, per migliorare il proprio stile di comunicazione e per stabilire relazioni più proficue con l’obiettivo di raggiungere una più completa realizzazione personale. In estrema sintesi: emergi se sei unico; cresci se sei strategico; “reggi” se sei autentico; evolvi se sei in relazione con gli altri.

PBDay – Sestyle “Personal Brand e Sviluppo Personale”

I mini-workshop “Personal Branding @ Work”.

Dal comunicato stampa:
Il magic experience designer Ferdinando Buscema ha mostrato al pubblico quali sono le chiavi per attivare “L’arte dello stupore”, condividendo con il pubblico alcune case histories di successo e cinque “segreti da mago” per creare meraviglia:
5. studio
4. sperimentazione
3. ossessione
2. “ghost track”
1. fortuna
Chiudendo il suo intervento con un numero di magia con le carte che ha stupito e divertito tutti i presenti.

PBDay – Ferdinando Buscema “L’Arte Dello Stupore”

William Mazza – consulente creativo e art director – ha collegato i concetti di personal brand e corporate brand riportando lo storytelling del posizionamento su mercato di due vini – “Luce” e “Lucente” – considerandoli come fossero due fratelli. Inizialmente “costretti” a rapportarsi al mercato facendo leva su un costrutto valoriale identico che ne livellava le differenze, sono divenuti vini di successo solo quando l’approccio strategico è stato fortemente differenziato. Mazza ha poi presentato il suo metodo di “Creative Thinking” basato su associazioni estemporanee tra elementi comunicativi, materiali, valori… utile per sviluppare il pensiero laterale e arrivare a concepire qualcosa di originale.

PBDay – William Mazza “Creative Thinking”

Daniela Delogu – foodblogger “SenzaPanna” e coach in cucina – ha legato “Food” & “Work” chiarendo l’importanza di una corretta alimentazione per il mantenimento tanto del proprio benessere quanto della propria concentrazione durante l’attività lavorativa. Delogu ha dato alcuni consigli su cosa mangiare o evitare prima di un colloquio o di un appuntamento professionale: ovviamente banditi aglio, spezie, alcolici e bibite gassate, la blogger consiglia di limitare l’uso della caffeina e, comunque, mantenere un giusto equilibrio con le quantità (mangiare troppo o troppo poco può portare stanchezza e sonnolenza).

PBDay – Daniela Delogu “Food e Work”

Roberto Saracino – business coach e consulente aziendale – ha tenuto un intervento dal titolo “CV e Public Speacking” chiarendo innanzitutto cosa ricercano le aziende in un candidato e come arrivano alla sua selezione (attualmente un ruolo fondamentale lo hanno i social network), per poi defiire quel che è necessario fare prima di un colloquio:
1. preparare una presentazione sintetica del proprio CV
2. prendere informazioni sull’azienda
3. preparare delle domande da porre
Durante il suo intervento Saracino ha richiesto ad un volontario del pubblico – Emma Marino – di simulare la propria presentazione personale per analizzarla “in diretta” e ha mostrato l’esempio del videocurriculum di Mario Rossi, uno studente LUISS.

PBDay – Roberto Saracino “CV e Public Speaking”

Il fondatore del progetto Gilda35, Giovanni Scrofani – in arte @Jovanz74, noto influencer della Rete – ha mostrato come curare il proprio “Personal Branding on Twitter” condividendo le proprie strategie di following, chiarendo l’importanza della pianificazione e dando una serie di consigli su cosa fare e cosa evitare quando si utilizza questo social network per il proprio brand building. Scrofani ha sottolineato la necessità di personalizzare il proprio account Twitter, di interagire in modo bilaterale con la propria timeline, nonché l’importanza di crearsi delle community, oltre che uno stile. Infine l’inventore di Gilda35 ha illustrato le principali patologie e gli errori più comuni in cui si può incappare utilizzando tale strumento.

PBDay – Giovanni Scrofani “Personal Branding on Twitter”

Paola Caruana – esperta di fitness – è partita dalla sua esperienza personale di imprenditrice per dare alcuni consigli ai presenti, soprattutto nell’ambito della gestione della tensione e dello stress, della prossemica e della timbrica vocale. Caruana si è soffermata sul lavoro da svolgere sul corpo per migliorare il proprio stato psicologico e per relazionarsi in maniera aperta e proficua con gli altri nelle occasioni personali e lavorative. Facendo esempi di piccoli esercizi di respirazione da praticare, ha concluso elencando alcuni movimenti che possono allentare la tensione e chiarendo l’importanza della voce come il proprio “strumento musicale” da gestire con sapienza.

Scarica le dispense:

 

Per saperne di più visitate il sito ufficiale del Personal Branding Day.

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *